giovedì 23 ottobre 2014

VITIGNO BOMBINO BIANCO e NERO

foto lavinium.com
Bombino Bianco: Vitigno autoctono a bacca bianca diffuso in molte regioni del Centro e Sud Italia dalla Romagna, dove è conosciuto col sinonimo "Pagadebit" o "Mostosa", all'Abruzzo, dove viene spesso confuso col " Trebbiano d'Abruzzo", al Lazio e alla Puglia, dove è più diffuso e vinificato anche in purezza. Contribuisce per la sua percentuale al " Cannellino di Frascati DOCG" e al "Frascati Superiore DOCG", tutti nel Lazio, zona Colli Romani, preferisce terreni collinari siliceo-calcarei ricchi di scheletro e ben esposti, ha media vigoria e abbondante produzione, per la quale un tempo gli agricoltori riuscivano a pagare i propri debiti, vedi il sinonimo romagnolo Pagadebit. Questo vitigno ha foglia media pentagonale con grappolo medio-grande, cilindrico-conico, spesso alato, l'acino è medio-grande, rotondo, la  buccia spessa con puntini marroni. Il vino ha un colore giallo paglierino con sfumature dorate, secondo la zona di coltivazione, il profumo è fruttato, floreale, minerale con note di mela, camomilla, pietra focaia e grafite, fresco, sapido, armonico, buono da spumantizzare, l'abbinamento è con antipasti di pesce e piatti di mare, grado alcolico 12°, temperatura di servizio 12°-14°C.
foto terredipuglia.net
Bombino Nero: Vitigno autoctono diffuso in Puglia nella zona delle Murge, dove concorre al " Castel del Monte Bombino Nero DOCG ", si presta all'invecchiamento con altre varietà locali. Si adatta per la coltivazione a clima e terreni più disparati, in quanto non ha bisogno di colture particolari, la foglia, il grappolo e l'acino, come forma, sono quasi simili a quelli del Bombino Bianco. Il vino ha colore rosso rubino chiaro che ricorda la buccia di cipolla, ha profumo delicato, fruttato con note di rosa e vaniglia, in bocca è fresco, asciutto, morbido e armonico, il grado alcolico è 12°, ottimo come aperitivo, si abbina con antipasti di terra, primi piatti strutturati, arrosti e grigliate di carne, salumi e formaggi stagionati, va servito ad una temperatura di 16°-18°

Motto: Senza Cerere e Bacco, Venere è gelata... ( TERENZIO )

Nessun commento:

Posta un commento