lunedì 27 ottobre 2014

VITIGNO GRECHETTO BIANCO e ROSSO

foto openwinemap.it
Vitigno autoctono a bacca bianca dell'Umbria, diffuso anche nelle regioni limitrofe, Toscana, Marche, Lazio, originario della Grecia, da cui deriva il nome. Questo vitigno appartiene alla famiglia dei "Greci", in quanto esistono diversi cloni come il "Greco di Tufo", "Grechetto di Todi e di Orvieto", " Pignoletto" , che hanno caratteristiche simili evidenziate da alcune ricerche sul DNA, non ha particolari esigenze climatiche e di terreni anche  se preferisce terreni collinari argillosi di media fertilità, resiste molto bene al freddo invernale e alle gelate primaverili, ha una produzione abbondante. La foglia è media, pentagonale,allungata, il grappolo è medio-piccolo, cilindrico-conico, serrato a volte con ali, l'acino è medio, ovale con buccia sottile, pruinosa ma consistente. Il Grechetto, se vinificato in purezza, ha un colore giallo paglierino con riflessi verdolini, il vino affinato in legno ha un colore giallo dorato, ha profumi fruttati, floreali con sentori di pesca, pera, frutti esotici, mandorla e nocciola, ha note di vaniglia e tostato se affinato in legno, in bocca è sapido, fresco, gradevole ed equilibrato, il grado alcolico è 11,5°-12°. Può essere abbinato a piatti di pesce e di uova, zuppe di pesce, insalate di mare, crostacei, formaggi molli, la temperatura di servizio è 12°-14°C.
foto openwinemap.it

Vitigno autoctono a bacca rossa diffuso esclusivamente nella provincia di Viterbo, nel Lazio, e nella zona di Orvieto, in Umbria, ormai quasi abbandonato, anche se presente nella DOC Colli Etruschi Viterbesi. Confuso spesso con il Sangiovese, dopo accurate analisi si è escluso qualsiasi affinità con lo stesso e con gli altri  vitigni Grechetti umbri, è un vitigno che ha una elevata produzione e una particolare predilezione per i terreni collinari argillosi-calcarei e di origine vulcanica. Il Grechetto Rosso ha un grappolo grande, cilindrico, con una o due ali, mediamente compatto, l'acino è mediamente grande, sferico o ovoidale con buccia poco pruinosa di colore blu-rossastro. Il vino ha un colore rosso rubino più o meno intenso con profumi fruttati e floreali di frutti rossi, prugna, viola, in bocca è fresco, buona sapidità, caldo, mediamente tannico, persistente, armonico, di corpo, ha una gradazione media di 11°. E' un vino da tutto pasto, ben abbinato con i piatti di territorio tra cui salsiccia, arrosticini, coniglio alla cacciatora, la temperatura di servizio consigliata è 16°-18°.

Motto: Non sai che il Vino è un lento veleno? Pazienza! Non ho fretta.    
             ( PAOLO MONELLI )

Nessun commento:

Posta un commento