venerdì 21 luglio 2017

VITIGNO MACERATINO o RIBONA

La regione deputata per la coltivazione del vitigno Maceratino o Ribona è le Marche, precisamente la provincia di Macerata, da cui prende il nome, la provincia di Ancona e Ascoli Piceno, in minima parte. Vitigno a bacca bianca da sempre assimilato alla famiglia del vitigno Greco, Trebbiano e Verdicchio, tale da essere conosciuto anche con i sinonimi di greco maceratese, verdicchio marino, montecchiese e lo stesso ribona, recenti ricerche genetiche hanno stabilito differenti caratteristiche enologiche con i predetti vitigni. La zona di produzione, scarsa rispetto al Verdicchio, è quella che va dalla costiera adriatica fino nell'entroterra, predilige terreni freschi e ventilati, argillosi-calcarei, con una produttività notevole e regolare, il grappolo è medio, cilindrico o conico, compatto, con uno o due ali, l'acino è medio, sferico, con buccia spessa, consistente e pruinosa di colore verde-giallo. Vinificato di regola in assemblaggio nella DOC Colli Maceratesi Bianco, in purezza il vino ha un colore giallo paglierino trasparente, che assume tonalità dorate nella versione passito, al naso ha sentori floreali di rosa e fruttati di agrumi e mela, al palato è secco, sapido, morbido, il grado alcolico minimo è 11°. L'abbinamento usuale è quella con la cucina regionale, primi e secondi piatti di pesce, formaggi a pasta molle, la temperatura di servizio consigliata è 12°-14°.

Nessun commento:

Posta un commento