martedì 17 luglio 2018

VITIGNO CAPRETTONE

Vitigno autoctono a bacca bianca della Campania, diffuso sulle pendici del Vesuvio, iscritto nel Registro Nazionale delle Varietà nel 2014, confuso fino ad allora col vitigno Coda di Volpe, il Caprettone deve il suo nome alla forma del grappolo che somiglia alla barbetta della capra. Non abbiamo notizie storiche certe, il Caprettone è un vitigno vigoroso che sulle pendici del Monte Somma(Vesuvio) ha trovato il suo abitat ideale, dove su terreni vulcanici da' al vino un buon apporto minerale e, visto che è il primo vitigno della zona ad essere vendemmiato, anche un buon apporto di acidità, entra nella composizione della Doc Vesuvio Lacryma Christi insieme alla Falanghina e al Greco. Il grappolo è di media grandezza, cilindrico, con una o due ali, l'acino è medio-piccolo, ellisoidale, con buccia consistente, pruinosa, di colore verde-giallo, il vino ha un colore giallo paglierino scarico, con profumi floreali e fruttati di albicocca, gelso e ginestra, con aroma fine, delicato, con buon tenore alcolico e di acidità, discreta morbidezza e buona struttura, il grado alcolico minimo è 11°. Ottimo come aperitivo, si abbina con frutti di mare crudi, piatti di pesce, formaggi molli e, perchè no, con una pizza ai frutti di mare, la temperatura di servizio consigliata è 10°-12°.

Nessun commento:

Posta un commento